Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra

La lingua batte dove il dente duole

Formazione, speranze per tanti giovani. Ma anche delusioni e furbe manipolazioni?
Tanti ragazzi ripongono le proprie speranze nelle nuove frontiere della formazione… Il racconto di un giovane che ha fatto un sogno che invece l'ha turbato. Una storia che insegna quanto sia meglio rivolgersi alla fonte per avere informazioni, vale a dire agli enti di formazione che tengono i corsi

Capitanata, 22.01.2019 - Sono sempre più ampie le scelte messe a disposizione dagli enti di formazione oggi nei confronti di chi vuole intraprendere nuovi percorsi, soprattutto nella speranza di potere poi mettere a disposizione nel mondo del lavoro ciò che ha imparato. E anche se per la maggior parte dei casi il fenomeno coinvolge un pubblico giovane, non mancano persone meno giovani che si tuffano nell'avventura nella speranza di un impiego, seppur caratterizzato da provvisorietà. Si spazia dalla grafica pubblicitaria agli operatori di marketing turistico, dall'esperto organizzatore di eventi all'animatore, dall'albergatore al pasticciere al barman etc.
Le regioni mettono a disposizione risorse più o meno significative, incentivando la popolazione (come abbiamo detto soprattutto giovane) ad avvicinarsi ad una disciplina riconoscendo un rimborso di 5 Euro all'ora per i frequentatori che riscuoteranno entro quattro giorni dal ricevimento della somme finanziata all'ente di formazione che avrà presentato, a sua volta, entro 60 giorni dalla fine del corso, la relativa rendicontazione. Gli enti di formazione per accreditarsi presso la regione dovranno anche fornire una lista di docenti e tutor impiegati nei corsi.
Molti ragazzi prendono letteralmente d'assalto gli enti di formazione per iscriversi ad un corso, armati di entusiasmo e tanta voglia di affrontare la nuova esperienza. Spesso si rendono però conto che anche questo è un mondo dove bisogna sapersi muovere per capire che per chiedere informazioni ed avere le giuste risposte è inutile sbattere la testa a destra e a manca in questo o quello ufficio, basterebbe semplicemente rivolgersi allo stesso ente di formazione che terrà i corsi presso la propria sede e le proprie aule (oltre che presso le aziende che avranno aderito per ospitare i frequentatori del corso ad uno stage, una vera e propria prova sul campo) per aver tutte le informazioni di cui si ha bisogno.
I giovani, si sa, da una parte sono molto sinceri, fiduciosi e carichi di entusiasmo, dall'altra li vedi cambiare atteggiamento alla prima delusione.
Ad un ragazzo, per esempio, che non vedeva l'ora di affrontare la sua nuova avventura, è capitato di raccontarci di aver fatto un sogno in cui si è trovato a vivere tutta la fase preliminare rispetto all'inizio del corso e al risveglio non ha nascosto di essere rimasto piuttosto turbato e sfiduciato. Tanto gli è sembrato vero quanto trasposto nella situazione onirica.
Per farla breve aveva sognato di essersi recato presso il Centro per l'Impiego della sua città per stipulare quello che nel gergo si chiama "patto di servizio" o più semplicemente per chiedere delle informazioni su come muoversi, ma si sentiva rispondere dagli addetti con un "consiglio" sulla scelta del corso e dell'ente di formazione. Il ragazzo (sempre nel sogno), alquanto deluso, chiedeva spiegazioni circa quella indicazione per lui non giustificata e, per tutta risposta, si sentiva dire che trattavasi delle migliori soluzioni sia per gli enti, sia per i corsi e sia per gli insegnanti. La sorpresa per il giovane corsista arrivava allorquando scopriva che vi era una sorta di collegamento. Ne seguiva un litigio con l'operatore e a quel punto il sogno si interrompeva con il brusco risveglio e l'interessato – ancora stordito e senza aver ancora preso completamente coscienza dello stato di veglia – pensava addirittura di denunciare l'accaduto alle autorità fino a quando il mondo reale aveva raggiunto la piena realizzazione.
Capita spesso, d'altra parte, di sognare qualcosa a cui si è data un'intensa partecipazione durante il giorno. Secondo l'interpretazione onirica e la psicoanalisi freudiana, i sogni ci rivelano quel che la realtà non riesce a mostrarci o che è nascosto ed è inconscio.
Questa esperienza insegna perché con i giovani e i loro sentimenti, la loro innocenza, è sempre preferibile non giocare alle tecniche di manipolazione, orientandoli, invece, sempre verso il meglio.

Barbecue

 
Per la pubblicità
in questo spazio
scrivi alla redazione


Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.