Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
CRONACA
Cronaca

Emiliano a Foggia per presentazione attività “policlinico riuniti”: «Stiamo realizzando una grande visione»
Nell'incontro di questa mattina nell'Aula Turtur si è parlato anche del Lastaria di Lucera che è stato accorpato all'Università

Lucera, 09.01.2020 - «Siamo a metà del cammino. Le questioni complicate non si risolvono da un giorno all’altro. Bisogna avere una visione e per farlo bisogna ascoltare bene, avere occhi e orecchie sui territori».
Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano alla presentazione delle attività del Policlinico Riuniti di Foggia, dei risultati statistici del concorso regionale per 2.445 posti di Operatori socio-sanitari (Oss), cui hanno fatto domanda 24.784 candidati, e dell’accorpamento al “Riuniti” dell’ospedale “Lastaria” di Lucera.
«Quando ho spostato - ha aggiunto Emiliano - uno dei manager più bravi di Puglia come Dattoli dal Policlinico di Bari a Foggia qualcuno ha pensato che lo volessi punire! E invece no: c’era una grande visione della città di Foggia, quella più a nord della Puglia, che per posizione ha più possibilità di attrarre investimenti e far partire elementi di crescita su molteplici fronti. Ci sono tante cose buone a Foggia, ma su tutte c’è l’università.
I foggiani sono legatissimi all’università, hanno un anelito a crescere e a diventare migliori. Questo sogno è fatto anche di immagine e stima.
Siamo partiti proprio da Foggia quando abbiamo immaginato di finanziare con bilancio ordinario le scuole di specializzazione e, questo tipo di investimento da parte di una Regione, non esiste in nessun’altra parte.
Questo lavoro ci ha consentito di incrociare l’Università di Foggia anche su altri obiettivi.
Siamo al lavoro con il Rettore sul piano strategico dell’Università e immagino che in questo ambito la Regione possa fare tanto.
La Regione ha bisogno di occhi e orecchie sul territorio che trasmettono input, che devono essere rielaborati e tradotti in una visione. 
Anche la mafia si batte con una visione, perché se manca, viene sostituita dalla logica del cavarsela in qualunque modo.
Una organizzazione criminale complessa sta provando a intimidire una intera città. 
Come si risponde, per quanto riguarda noi? Dobbiamo inondare le persone di una prospettiva di futuro».
«È stato importante - ha proseguito Emiliano - dimostrare di saper fare le cose per bene, come avvenuto per questo concorso da 24 mila iscritti. Non era semplice ma lo abbiamo fatto. Perché c’è bisogno di fare tante assunzioni adesso? Perché sono venti anni che non potevamo assumere a causa di qualcuno che le bloccò. Il risultato è che dal 2001 a oggi, il personale della regione Puglia che si occupa di sanità è inferiore di 15mila persone rispetto all’Emilia Romagna.
Il danno della legge del 2001 è incalcolabile perché ha abituato tutti ad arrangiarsi e avere mille sistemi per aggirare le norme.
Alcuni di questi escamotage hanno anche esposto le persone a rischi giudiziari.

Oggi abbiamo sbloccato questa situazione, non potevamo farlo prima perché serviva il Piano di riordino. Un Piano che non ha chiuso ospedali, ma li ha riclassificati, aumentandone i posti letto. Stiamo spendendo meglio i soldi, investendo sulla modernizzazione di tutta la struttura ospedaliera per acuti, costruendo cinque nuovi grandi ospedali e impegnando 400 milioni di euro sulla medicina del territorio. Da essere ultimi nei livelli essenziali di assistenza oggi siamo nella parte alta della classifica.
Solo grazie al nostro Piano di riordino il Ministero ci ha autorizzato a fare nuove assunzioni. Non c’è solo questo concorso: stiamo assumendo più di mille infermieri ottenendo dal Governo (e ringrazio per questo il ministro Speranza) di stabilizzare tutti i precari che avevamo in corsia.
Stiamo coprendo tutti i posti da primario compatibilmente col numero di medici che le università ci devono dare.
Noi cerchiamo medici bravi e non è facile trovarli: siamo qui per tutelare al meglio la salute delle persone e dare una visione alle città. Ci stiamo riuscendo? Io penso di sì.
Qui stiamo partendo da un piccolo elemento come può essere un concorso, per parlare della vita delle persone. Quando una cosa è giusta le battaglie si fanno insieme, grazie anche all’energia di una nuova generazione.
In questa regione abbiamo sindaci che stanno piano piano portando alta l’immagine di una Puglia che migliora e che cresce grazie alla sua università».
Alla conferenza stampa sono intervenuti Vitangelo Dattoli, Direttore Generale del Policlinico “Riuniti” di Foggia, Pierpaolo Limone, Rettore dell’Università degli Studi di Foggia, Raffaele Piemontese, assessore al Bilancio della Regione Puglia.

«Da assessore che ha gestito e gestisce le risorse ordinarie e dei fondi europei - ha dichiarato Piemontese - ho l’obbligo di parlare del grande sforzo di investimento che la Regione Puglia ha fatto e fa sul Policlinico Riuniti di Foggia.
Dai 7 milioni di euro l’anno con cui, dal bilancio autonomo regionale, finanziamo le scuole di specializzazione mediche che servono a trattenere e valorizzare i nostri giovani medici, i nostri talenti e le nostre competenze.
Ai grandi numeri che corrispondono ai grandi investimenti che rivoluzionano i servizi per la salute della città di Foggia, della Capitanata e del nord della Puglia con la trasformazione in Policlinico degli Ospedali Riuniti.
Numeri come i 1.000 posti auto che saranno organizzati nelle due grandi aree parcheggio protette, illuminate, coperte da una rete di videosorveglianza, con sistemi di pagamento automatizzati: non c’è bisogno di aggiungere cosa questa novità significa in termini di tranquillità e anche di affrancamento dal fenomeno del parcheggio selvaggio e abusivo che rende, spesso, difficile avvicinarsi agli Ospedali Riuniti di Foggia.
O come i 50 milioni di euro per realizzare la Torre dei Laboratori che prende il posto delle attuali palazzine degli ambulatori e degli laboratori che saranno abbattute: stiamo parlando dello spazio e dei servizi più frequentati degli Ospedali Riuniti, quelli dove, dalle primissime ore del mattino, si affollano tante persone che meritano servizi di maggiore qualità. Solo per quest’anno appena cominciato, il piano degli investimenti sul Policlinico Riuniti di Foggia prevede complessivamente 75 milioni di euro di nuove attrezzature e lavori: risorse dei Fondi europei di sviluppo regionale 2014-2020 e risorse del Fondo di Sviluppo e Coesione.
Dentro questo enorme sforzo finanziario ci sono i 318 mila euro che serviranno a dotare di WiFi i reparti in modo da umanizzare le degenze senza spezzare le nostre abitudini legate al digitale. Ma soprattutto i circa 3 milioni e 900 mila euro con cui compriamo il CyberKnife, il sistema robotizzato di radiochirurgia per intervenire sui tumori di cui, al momento, sono dotati solo un centinaio di centri in tutta Europa».

«Prefiguriamo oggi – ha aggiunto il direttore generale del Policlinico “Riuniti” Vitangelo Dattoli - alcuni scenari che saranno meglio discussi a breve, quali l’accorpamento con Lucera e la nuova denominazione Policlinico, elementi entrambi di grande complessità. In realtà la conferenza stampa di oggi gravita sulla riflessione dei dati statistici relativi al mega concorso per OSS che ha visto partecipare quasi 20mila candidati, su 24mila domande. Un concorso gestito senza preselezione e che sarà utilizzato a livello regionale in maniera massiccia a cominciare dal mese di febbraio e poi probabilmente anche dalle altre regioni. Un altro elemento – ha concluso Dattoli - che sottolinea la complessità organizzativa di questa azienda».

Le risultanze statistiche del concorso regionale per 2.445 posti di OSS
Le domande dei candidati pervenute sono state 24.784. Le prove pratiche/scritte sono state realizzate presso il padiglione della Fiera di Foggia n. 19 dall’11 al 15 marzo 2019, utilizzando la diretta streaming per il sorteggio delle singole prove.
I candidati ammessi alla prova orale sono stati 17.155.
I candidati risultati idonei alla prova orale sono stati 14.493.
Alla Commissione centrale sono state affiancate 20 sotto-commissioni.
Lo sforzo organizzativo messo in piedi è stato pianificato, puntualmente declinato in tutti gli aspetti di dettaglio e costantemente monitorato e ha visto la conclusione dell’intera procedura in data 12 dicembre 2019.

L’accorpamento dell’ospedale “F. Lastaria” di Lucera al Policlinico “Riuniti” di Foggia, con il trasferimento della gestione, dei beni mobili e immobili e della dotazione organica, in attuazione di quanto disposto dalla Deliberazione di Giunta Regionale n. 674 del 9.4.2019.
Alcune delle iniziative in programma riguardano preliminarmente la garanzia della continuità dell’attività fino a questo momento svolta grazie all’impegno della Asl di Foggia.
A seguire sarà potenziata l’attività di ricovero nell’area medica con integrazione della Geriatria a garanzia della risposta ai bisogni della popolazione più fragile; sarà ampliata l’attività di lungodegenza anche riabilitativa; saranno realizzate sinergie con le Chirurgie del Policlinico “Riuniti” di Foggia che assicureranno l’attività chirurgica in diverse discipline specialistiche, potenziando l’attività chirurgica del nosocomio locale.
Sarà prestata, inoltre, attenzione anche al Pronto Soccorso, la cui funzionalità beneficerà del collegamento a quello del Policlinico “Riuniti” di Foggia, logisticamente più raggiungibile in caso di necessità.
Particolare rilievo sarà dato all’intenso utilizzo della Telemedicina per la gestione dei pazienti ricoverati presso l’Ospedale Lastaria che fruiranno di attività consulenziali delle numerose discipline specialistiche degli “Ospedali Riuniti”.
Ulteriore attenzione sarà dedicata all’Oncologia, alla Dialisi ed ai Servizi specialistici ambulatoriali.

La nuova denominazione degli “Ospedali Riuniti”come Policlinico “Riuniti” di Foggia, per Delibera di Giunta Regionale, intende sottolineare la complessità logistica tipica di un campus nonché l’articolata struttura organizzativa, di didattica e di ricerca con l’attivazione di nuove discipline, raggiunta dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria.

Il Frizzo

 


Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.