Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
CRONACA
Cronaca

Apricena: i Carabinieri sequestrano un'area incendiata con 200 t. di rifiuti speciali. Fiamme domate dopo tre giorni
Per il momento, con le indagini ancora in corso, risulta individuato e denunciato un responsabile di quell'area abusiva, un uomo di San Severo

Apricena, 16.04.2017 - Alle ore 21:30 dello scorso mercoledì 12 aprile sulla SS n. 89, a circa tre km da Apricena (piena zona industriale) direzione San Severo, un grosso incendio è scoppiato coinvolgendo un capannone contenente balloni di rifiuti indifferenziati/speciali nascosti abusivamente.
Nubi altissime di fumo nero, diossina, un odore acre. Un incendio che per tre giorni i VV.FF. non erano riusciti a domare, tanto da rendere necessario l'abbattimento di una delle pareti del capannone.
I Carabinieri della Stazione di Apricena, coordinati dal Comandante Giuseppe Sillitti, hanno riscontrato la presenza di rifiuti speciali detenuti illegalmente e senza nessuna autorizzazione. Il M.llo Sillitti ha fatto intervenire il Sindaco di Apricena, Antonio Potenza che, grazie all'ausilio di una trentina di camion ha permesso di coprire con materiale sabbioso i rifiuti che continuavano ad emettere esalazioni pericolose per la salute, evitando così l'ulteriore inquinamento atmosferico.

L'area è stata sottoposta a sequestro dagli uomini della Benemerita e posta in sicurezza in attesa di campionamenti che stabiliscano l'esatta natura e tipologia dei rifiuti.

Per il momento, a indagini ancora in corso, risulta individuato e denunciato un responsabile di quell'area abusiva, un uomo di San Severo, ma non si esclude il coinvolgimento di altre persone o di eventuali complici.

Il primo cittadino di Apricena ha emesso un'ordinanza di inaccessibilità al sito e di inagibilità dell'area (leggi) disponendo altresì verifiche che dovrà eseguire l'ARPA Puglia di concerto con la ASL sulla qualità dell'aria e delle falde acquifere. Nella stessa ordinanza il sindaco ha ovviamente disposto il divieto di pascolo e di raccolti agricoli nel raggio di un chilometro dall'area interessata dall'incendio.
«Ho dato immediatamente mandato agli uffici comunali – ha dichiarato Potenza – di attivarsi nei confronti dei responsabili per le procedure di risarcimento degli eventuali danni ambientali arrecati alla nostra collettività».

Il Frizzo



Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.