Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
 
AMBIENTE
Ambiente

Foggia: Carabinieri del Noe pongono i sigilli a impianto di depurazione industriale del Consorzio Asi e ne denunciano il responsabile
Il perdurare della immissione nel torrente Cervaro dei reflui inquinati derivanti dal depuratore Asi, ha sicuramente contribuito alla alterazione del fragile equilibrio floro-faunistico del territorio

Foggia, 06.04.2018 - I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Bari, appartenenti al Comando Tutela per l’Ambiente, collaborati da personale tecnico di Arpa Puglia e dai militari della locale Compagnia Carabinieri, diretti dalla la Procura della Repubblica di Foggia, hanno sottoposto a sequestro preventivo l’impianto di depurazione industriale del Consorzio Asi, ubicato alla località “Incoronata” del Comune di Foggia, dell’estensione di circa 15.000 mq e del valore approssimativo di € 1.800.000/00 (euro un milione e ottocentomila), gestito dalla società “General Costruzioni srl”, con sede legale in Foggia. Nell’occorso ne veniva denunciato il legale rappresentante, ritenuto responsabile delle violazioni per i reati di cui:

• art. 81, 2º comma c.p.;
• art. 137, 5º comma del D. L.vo 3.4.2006 nr. 152;
• per avere, nell’effettuazione di scarico di acque reflue industriali, superato più volte i valori limite tabellari;
• art. 256, 1º comma lett. A) e D. L.vo 3.4.2006 nr. 152.
• per aver, nella gestione dei rifiuti speciali non pericolosi, nel caso di specie nello stoccaggio di fanghi di depurazione industriali provenienti dal trattamento di impianto di depurazione chimico/fisico, superato il limite di deposito temporaneo di un anno, senza autorizzazione, in violazione dell’art. 183 1º comma lett. M) in danno del locale corpo idrico superficiale e del suo delicato equilibrio fauno-naturalistico.

Il torrente Cervaro, infatti, è il corso d’acqua più importante della Puglia per biodiversità tanto da comprendere nel suo bacino ben due siti di importanza comunitaria, una zona speciale di conservazione, il Parco Naturale regionale Bosco Incoronata, l’oasi Lago Salso del Parco Nazionale del Gargano e due importanti bird area. Per questi motivi la Regione Puglia lo ha menzionato all’interno del Piano Paesaggistico Territoriale Regionale (PPTR) quale “progetto integrato di paesaggio sperimentale” in virtù della sua particolare collocazione geografica di collegamento fra il Subappennino Dauno ed il Tavoliere.

Il perdurare della immissione nel torrente Cervaro dei reflui inquinati derivanti dal depuratore Asi, ha sicuramente contribuito alla alterazione del fragile equilibrio floro-faunistico degli habitat del Parco Regionale Bosco Incoronata compromettendo tutti gli interventi realizzati con il progetto Life Natura tesi all’incremento della biodiversità del Sic it9110032 “Valle del Cervaro – Bosco Incoronata” ed al miglioramento degli habitat (92a0 foreste e galleria di Salix Alba e Populos Alba – 6220 percorsi substeppici di graminacee e piante annue – 91aa boschi orientali di quercia bianca).
Il depuratore in questione è un impianto depurativo di tipo “bio chimico fisico” a servizio dell’intero comparto produttivo ubicato nella località “Borgo Incoronata” del Comune di Foggia, di proprietà del Consorzio e condotto dalla società “General Costruzioni srl” ed ivi giungono scarichi di ogni genere di insediamento produttivo allacciato alla rete fognaria consortile, dall’industria conserviera a quella meccanica ed altre, nonché dal locale mattatoio.
Già la locale Arpa Puglia aveva rilevato in più occasioni il superamento dei limiti tabellari di moltissime sostanze ed una successiva ispezione dell’impianto ne ha accertato la completa inattività ed in particolare l’abbandono per “mancanza di fondi” del dissabbiatore, la centrifuga fanghi, il chiarificatore primario e secondario e digestore. All’interno del digestore, inoltre, sono state rinvenute alcune centinaia di metri cubi di fanghi in completo stato di abbandono, lì depositati da diversi mesi.
Per le attività di indagine è stato utilizzato drone specializzato in rilevazioni ambientali.

Comunicato stampa

 


Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.