‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
In Provincia
| Leggi le altre di Provincia | Vai all'argomento principale |

Vito Guerrera: «Il male dell'Italia non sono i piccoli comuni»
Il sindaco di Carlantino risponde al Ministro Antonio Di Pietro

Carlantino, 20.11.2006 - «Il problema dell’Italia non è l’elevato numero dei piccoli comuni». Con queste parole, il sindaco di Carlantino, Vito Guerrera, replica al leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro. Il Ministro delle Infrastrutture, infatti, in una lettera inviata al Coordinamento nazionale piccoli comuni italiani, ha proposto l’accorpamento dei centri minori fino a creare gruppi di Municipi che raggiungano 5mila abitanti. «La situazione dei conti pubblici è molto grave – ha scritto Di Pietro – e il risanamento deve passare anche attraverso la riduzione dei costi della Pubblica amministrazione abolendo le Province e accorpando i piccoli comuni. In particolare – ha concluso il Ministro – l’eccessivo frazionamento dei comuni non consente una politica coordinata del territorio e moltiplica i costi di sindaci, consiglieri comunali, assessori, impiegati comunali e degli stessi edifici pubblici».
La replica dei sindaci dei piccoli comuni non si è fatta attendere. «Accorpando i municipi come i nostri non si risparmia nulla – dichiara Guerrera –. Il ministro di certo è consapevole di quanto siano poca cosa gli “stipendi” degli amministratori dei nostri comuni, soprattutto se commisurati a quelli di chi sta a Roma, ma forse non sa che ci sono tanti sindaci, consiglieri e assessori, che rinunciano ai loro compensi. E poi sarebbe un assurdo cancellare l’identità, la storia, la tradizione e la cultura dei nostri piccoli centri che sono la ricchezza vera e genuina della nostra nazione».
E Guerrera ne lancia un’altra di proposta per ridurre le spese della politica che gravano sul bilancio dello Stato e sulle tasche dei cittadini. «Riduciamo il numero di parlamentari, ministri, sottosegretari e consiglieri regionali – dice il sindaco di Carlantino –,  così potremo davvero ridurre le spese della pubblica amministrazione. Anche il portavoce del Coordinamento nazionale piccoli comuni italiani, Virgilio Caivano, ha dichiarato la sua contrarietà all’accorpamento dei piccoli comuni perché «…la figura del sindaco è indispensabile per quanto riguarda l’identità stessa dell’Italia che ha proprio nei Municipi la sua ragione fondante».
Guerrera e Caivano sostengono, invece, l’unione dei servizi intercomunali, attraverso la gestione associata, per ottimizzare l’offerta dei servizi stessi e, allo stesso tempo, diminuire i costi.

Comune di Carlantino – Corso Europa
Tel. 0881.552224 – Fax: 0881.552436
Sindaco: Vito Guerrera
Infonet: www.digilander.libero/carlantino/



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Oggetti smarriti
Newsletter
F.A.Q.