‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
In Provincia
| Leggi le altre di Provincia | Vai all'argomento principale |
Santoro: «Aboliamo le Province, le Comunità Montane e i Consorzi di Bonifica»
La questione è nata da una missiva che il leader dell’Italia dei Valori ha scritto al Coordinamento nazionale piccoli comuni italiani

Celenza, 23.11.2006 - «Aboliamo le Province, le Comunità Montane e i Consorzi di Bonifica, oltre a diminuire il numero dei parlamentari e dei consiglieri regionali. In questo modo si possono ridurre i costi davvero eccessivi della Pubblica Amministrazione».
Francesco Lucio Santoro, sindaco di Celenza Valfortore, torna sulle polemiche delle ultime settimane suscitate dalla proposta del ministro delle Infrastrutture, Antonio Di Pietro.
L’ex magistrato di Mani Pulite ha spiegato che, a suo parere, accorpando i piccoli comuni lo Stato potrebbe risparmiare diversi milioni di euro. «Nell’incontro svoltosi a Roma con il presidente della Camera dei Deputati, Fausto Bertinotti – prosegue Santoro – si è voluto sottolineare come il sindaco sia la figura più rappresentativa per i cittadini. I sindaci dei piccoli comuni, secondo il presidente Bertinotti, sono i custodi del territorio, delle sue tradizioni, della sua storia e della sua identità che vanno salvaguardati come tesoro inestimabile della nazione intera. È vero – continua il primo cittadino – che il risanamento deve passare anche attraverso la riduzione dei costi della Pubblica Amministrazione, ma ciò lo si faccia favorendo l’unione dei piccoli comuni per la gestione di alcuni servizi, al fine di ridurre i costi e migliorare l’offerta ai cittadini».
La settimana scorsa anche il sindaco di Carlantino, Vito Guerrera, e il  portavoce del Coordinamento nazionale piccoli comuni italiani, Virgilio Caivano, hanno espresso la loro contrarietà all’accorpamento dei piccoli comuni. La questione è nata da una missiva che il leader dell’Italia dei Valori ha scritto al Coordinamento nazionale piccoli comuni italiani. Lettera nella quale il ministro ha proposto l’accorpamento dei piccoli comuni, almeno fino a raggiungere il numero di 5.000 abitanti. Il sindaco di Celenza si dice comunque disposto ad aprire con Di Pietro un tavolo di discussione per approfondire queste tematiche.

Comune di Celenza Valfortore
Sindaco: Francesco Lucio Santoro



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Oggetti smarriti
Newsletter
F.A.Q.