‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
In Provincia
| Vai all'argomento principale | Vai all'indice |
Un evento da non perdere il 19 aprile presso il Teatro del Fuoco di Foggia

FOGGIA (13.04.2004) La musica del sud con influenze etno-jazz. Le parole delle canzoni popolari Daune dei primi del '900 rimusicate in chiave contemporanea. Un nuovo progetto musicale che nasce dal linguaggio del dialetto foggiano per incontrarsi con la canzone d'autore.
Le composizioni sono tutte scritte da Umberto Sangiovanni (autore di musiche per il cinema e televisione), nato a Foggia e produttore nonchè pianista della DauniaOrchestra che ha riunito attorno al progetto musicisti provenienti da diverse esperienze professionali cercando di sviluppare un suono personale ed unico, a metà strada fra il jazz e la musica popolare, fra la canzone dautore e i cantori del Gargano. Il nucleo di questo gruppo è il quartetto (chitarra, contrabbasso, pianoforte e batteria) attorno al quale ruotano altri musicisti (voce, percussioni, fisarmonica, clarinetto) sino a raggiungere un organico da piccola orchestra.
Il progetto, oltre ai circuiti dei locali dedicati alla musica jazz ed etnica, è stato presentato all'interno della prestigiosa rassegna internazionale estiva Dolce Vita Jazz Festival 2003 ed alla rassegna Contaminazioni 2004 presso la Scuola Popolare di Musica di Testaccio (Roma). Il disco La Controra, prodotto da Rai Trade, distribuito da EGEA (etichetta di Umbria Jazz) ha ricevuto anche il sostegno della Provincia di Foggia. Il concerto di Foggia ne è l'anteprima nazionale. La presentazione nazionale sarà in maggio a Roma.
La DauniaOrchestra: Umberto Sangiovanni, piano; Edoardo Bignozzi, chitarra; Massimo d'Agostino, batteria, Rossella Ruini, voce; Marcello Fiorini, fisarmonica; Marco Camboni, contrabbasso.
L'iniziativa si inserisce nel progetto didattico (di Giovanni Rinaldi e Roberta P. Jarussi) Dalle radici in poi... Storia popolare di Capitanata: memorie, tracce e contaminazioni, in corso presso l'Istituto B. Pascal di Foggia.
Nel modulo "Le culture popolari" curato da Giovanni Rinaldi si approfondiscono gli elementi fondamentali di conoscenza delle culture popolari: la trasmissione orale della cultura e della memoria, l'influenza del contesto sociale e delle condizioni di vita, l'intreccio tra forme etniche radicate nel territorio ed influenze esterne 'colte'. Obiettivo del corso è stimolare la capacità nelle nuove generazioni di creare nuova cultura conoscendo e reinterpretando le fonti della memoria (worldmusic, blues, rap e nuove forme artistiche). A metà percorso gli studenti hanno incontrato gli attori Enrico Messina e Micaela Sapienza della Compagnia Armamaxa, attori e autori dello spettacolo Braccianti, la memoria che resta. E proprio a conclusione del progetto gli studenti partecipano al concerto della DauniaOrchestra e incontrano Umberto Sangiovanni.
In sala saranno presenti gli studenti dell'Istituto B. Pascal e dell'Istituto P. Giannone di Foggia.
Interventi di presentazione del concerto:
Carmine Stallone, Presidente della Provincia di Foggia
Mauro Buttinelli, produttore discografico di Rai Trade
Giovanni Rinaldi, ricercatore e curatore del progetto didattico
Teatro del Fuoco, Vico Cutino, Foggia - 19 aprile 2004, ore 20,30 (ingresso libero)

info@ilfrizzo.it



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Oggetti smarriti
Newsletter
F.A.Q.