‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra

I speculatore
31 dicembre 2007

Quilli sune arrevavene, / de feune mezzejurne càvete, / cume botte de tamburre.

Oggnejune, annanze a porte, / assettàte ‘ndèrre, / vattève chi bastune / quilli cumele de spighe ‘ndurate.

I viuzze de vìcule / allassacreose, / turnàvene veuve.

I vàttete, / ammeschjate tra lore, / èvene accumbagnjate / dai cande è tutte, / anzimme a stessa sfasulatèzze, / se sendèvene cundènde.

Gli spigolatori

Quei suoni arrivavano, / nel caldo di mezzogiorno, / come colpi di tamburo.

Ognuno, davanti alla porta, / seduto per terra, / batteva con dei bastoni / quei cumuli si spighe dorate.

Le viuzze con i vicoli / all'improvviso, / tornavano a vivere.

I battiti, / miscelandosi gli uni con gli altri, / erano accompagnati / dai canti e tutti, / con la stessa spossatezza, / si sentivano contenti.

Romano Petroianni



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

Recensioni
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.