Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra


Lucera: dai "maiali" alla grande ammucchiata?

di Roberto Notarangelo

Un vecchio accordo pare prevedesse l'avanzare graduale di Abate come futuro candidato sindaco e la retrocessione dell'attuale sindaco Tutolo. E intanto la ricerca affannosa dei candidati è cominciata

Lucera, 13.04.2018 - Nel silente e sconfinato clima della pigra e sorniona Lucera cominciano a sibilare spifferi di furbologia pre-elettorale, soprattutto di stampo pagnottaro. Si fa un gran parlare di accordi per le amministrative (sì, insomma, le comunali di casa nostra) al cui appuntamento manca ormai circa un anno (non vi siete accorti che son passati quattro anni, eh?).
Ebbene mentre dall'altra parte la cosiddetta opposizione risulta ancora alquanto dispersa e sparpagliata, da questa (Pagnotta's Band) si starebbero chiudendo accordi lanciandosi già da ora (UDITE! UDITE!) alla disperata ricerca di candidati (senza esclusione di colpi, visto che starebbero invitando anche alcuni esponenti dell'attuale opposizione a candidarsi nel nucleo pagnottaro).
Alcune frizioni tutte in salsa maggioranza, però, ancora parrebbero insistere. Invero già la scelta nel 2014 operata da Fabrizio Abate – quella di portarsi dietro un gruppetto del PD in dissenso con la segreteria di quel partito di cui pure è stato segretario per ben due volte per accasarsi nella "Pagnotta House" – pare fosse figlia di una sorta di intesa per far sì che nei cinque anni successivi avrebbe permesso al preferito di Raffaele Piemontese (Abate, per l'appunto) di prendere gradualmente il posto di Tutolo quanto alla futura candidatura a sindaco della città, magari dopo essere rientrato (armi, bagagli e compagnucci fuoriusciti) nel Partito Democratico.
Qualcuno azzardava anche l'ipotesi di uno spazientito Fabrizio Abate, ad un certo punto, rispetto a quel presunto accordo che Tutolo invece dava l'impressione di disattendere, giocando prima a rinunciare rispetto ad una sua ricandidatura (facendo quindi credere all'attuale vice sindaco di lasciargli il campo libero per il 2019), salvo poi rilanciare con un «…ma se poi mi farete cambiare idea», e legare quel cambiamento di idea come frutto della eventuale ridiscesa in campo di politici cosiddetti "stagionati", etichettati dall'attuale sindaco, nel 2014, come "maiali" i quali si son tenuti il "complimento" senza batter ciglio (cosa che invece non ha fatto Matteo Renzi all'indomani della sconfitta del 4 marzo scorso, dopo l'apertura di Gigino Di Maio a tutte le forze in campo, compreso il PD).
Insomma dopo lo pseudo-ripensamento del pagnottaro qualcuno, bene informato e vicino ad Abate ma lontano da Lucera, pare andasse già ipotizzando che non mancasse molto alla esplosione dell'ex bi-segretario del PD di Lucera.
Fatto sta che alcuni prefigurerebbero per il 2019 il passaggio dall'epoca dei "maiali" e quella della grande ammucchiata (come se cambiasse qualcosa, poi) con i soliti destrorsi, gli avanzi di "Lucera 2.0", gli evoluti giovani comunisti-anarchici, qualche insurrezionalista e, dulcis in fundo, il Partito Democratico che fin qui non ha fatto altro che lo spettatore umiliato e offeso, pur di ritrovarsi sotto le pacche, un giorno, la seduta del potere.

Roberto Notarangelo

 
Per la pubblicità
in questo spazio
scrivi alla redazione


Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.