‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra

Se un Ente Comunale vuol lasciare una regione per far parte di un’altra?
Quali sono i requisiti di ammissibilità per l’indizione di un referendum popolare finalizzato al distacco di un Ente Comunale da una Regione e alla sua aggregazione ad un'altra?

Lucera, 26.03.2006 - I cittadini di alcuni Comuni vivono con disagio e disaffezione la loro appartenenza ad una data Regione perché si sentono più vicini, culturalmente, storicamente, economicamente e geograficamente ad un’altra e ritengono che i loro interessi otterrebbero pieno soddisfacimento nel caso di aggregazione a quest’ultima. Il nostro ordinamento giuridico consente l’indizione di un referendum popolare finalizzato alla approvazione della proposta di distacco del territorio di un Comune da una Regione e alla annessione ad un’altra.
Presso la Corte di Cassazione, infatti, è costituito un ufficio centrale per il referendum in esame. Detto ufficio è preposto alla verifica della conformità all’art. 132 della Costituzione e alla legge della richiesta di referendum avanzata dai Comuni.
La relativa decisione, in ordine alla legittimità della richiesta suddetta, viene emessa con ordinanza entro 30 gg. dalla presentazione. L’ufficio Centrale può contestare, entro il suddetto termine, eventuali irregolarità ai presentatori, i quali, entro 5 gg. successivi, sono, pertanto, ammessi a depositare deduzioni e/o dichiarare che intendono provvedere a sanare le contestate irregolarità entro 20 gg. dalla data di emissione dell’ordinanza sopra menzionata.
A pena di inammissibilità della richiesta, il quesito da sottoporre a referendum per il distacco di un Comune da una Regione e l’aggregazione ad un’altra, deve essere così espressamente formulato: “…volete che il territorio del Comune di… sia separato dalla Regione… per entrare a far parte integrante della Regione…?”.
La relativa richiesta deve essere corredata dalla deliberazione del Consiglio Comunale, avente appunto ad oggetto il referendum di che trattasi, in cui siano designati il delegato effettivo ed il delegato supplente alla presentazione della richiesta e in cui sia riprodotto fedelmente il suddetto quesito da sottoporre a referendum.
Detta deliberazione del Consiglio Comunale dovrà essere adottata non oltre tre mesi prima della data del rispettivo deposito che deve avvenire, in uno alla richiesta di referendum, presso la Cancelleria della Corte di Cassazione da uno dei succitati delegati, a tali fini domiciliato in Roma.
Al fine di non incorrere in problematiche di ermeneutica normativa, attesi i richiami legislativi alla applicabilità delle norme previste per altre tipologie di referendum, si ritiene preferibile non depositare la richiesta di referendum nell’anno anteriore alla scadenza di una delle due Camere e nei sei mesi successivi alla data di convocazione dei comizi elettorali per l’elezione di una delle Camere medesime, nonché depositare la stessa nel periodo che va dal 1° gennaio al 30 settembra.
Una volta ammesso, il relativo referendum è indetto con decreto del Presidente della Repubblica, su deliberazione del Consiglio dei Ministri.
Partecipano alle votazioni i cittadini iscritti nelle liste elettorali e la proposta sottoposta a referendum è dichiarata approvata nel caso in cui i voti attribuiti alla risposta affermativa al quesito del referendum non sia inferiore alla maggioranza degli elettori iscritti nelle suddette liste, altrimenti è dichiarata respinta e non può essere rinnovata prima che siano trascorsi cinque anni.

Marco Pagliara
Avvocato del Foro di Lucera



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Oggetti smarriti
Newsletter
F.A.Q.