‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra

Questione: “La separazione dei coniugi è sempre addebitabile al coniuge infedele?”
La Suprema Corte di Cassazione, con una recente sentenza della I Sezione, ha stabilito che l’inosservanza dell’obbligo di fedeltà del coniuge da’, senza dubbio, luogo all’addebito a suo carico nel caso in cui l’infedeltà abbia dato causa alla crisi dell’unione coniugale

Lucera, 12.10.2006 - Ai sensi dell’art. 151 del codice civile, i coniugi possono chiedere la separazione quando si verificano fatti tali da rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza o che possono recare grave pregiudizio alla educazione dei figli.
Il Tribunale quindi, all’esito del giudizio, dichiara, ove sia richiesto dalle parti e ne ricorrano i presupposti, a quale dei coniugi sia addebitabile la separazione.
L’addebito (o la mancanza di addebito) produce effetti sui rapporti patrimoniali tra i coniugi, in quanto viene stabilito dal giudice che ha istruito il procedimento, a vantaggio del coniuge che non abbia adeguati redditi propri e cui non sia addebitabile la separazione, il diritto al mantenimento a carico dell’altro coniuge cui, invece, sia addebitabile la stessa.
Il parametro di fondo, seguito dal giudice nell’indagine tesa all’accertamento dell’addebitabilità in esame, è costituito dall’esame del comportamento che ha tenuto ciascun coniuge, al fine di verificare se sia o meno (detto comportamento) contrario ai doveri che derivano dal matrimonio.
Com’è noto, infatti, ai sensi dell’art. 143 del codice civile, i coniugi hanno i seguenti doveri: (dovere) reciproco di fedeltà, (dovere) di assistenza morale e materiale, (dovere) di coabitazione, (dovere) di collaborare nell’interesse della famiglia e di contribuire ai suoi bisogni in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro.
Alla luce di ciò, sembrerebbe scontato che dall’accertamento dell’infedeltà coniugale derivi una pronuncia di addebito della separazione giudiziale a carico del coniuge responsabile della medesima.
La Suprema Corte di Cassazione, però, con una recente sentenza della I Sezione (datata 12 aprile 2006), ha stabilito che l’inosservanza dell’obbligo di fedeltà del coniuge da’, senza dubbio, luogo all’addebito a suo carico nel caso in cui l’infedeltà abbia dato causa alla crisi dell’unione coniugale. Se, invece, la crisi coniugale era già in atto e l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza sia stata cagionata da altri comportamenti posti in essere da un coniuge in violazione dei suddetti doveri, l’infedeltà non è determinante ai fini dell’individuazione del consorte cui sia addebitabile la separazione. Per la Corte di Cassazione, quindi, il giudice del merito deve necessariamente svolgere un esame globale e complessivo del contegno di ciascun coniuge, al fine dell’accertamento del nesso di causalità tra il comportamento contrario ai doveri matrimoniali e la crisi coniugale che da’ luogo all’intollerabilità della convivenza.
Ne discende che i suddetti doveri che nascono dal matrimonio sono stati posti sullo stesso piano e non può dirsi che ve ne sia uno più significativo dell’altro, la cui violazione possa fondare, ipso facto, la pronuncia di addebito.
La separazione sarà, dunque, addebitata al coniuge che tenendo un comportamento contrario agli obblighi che discendono dal matrimonio abbia (così facendo) reso intollerabile la convivenza e, conseguentemente, provocato la frattura dell’unione coniugale.

Marco Pagliara
Avvocato del Foro di Lucera



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Oggetti smarriti
Newsletter
F.A.Q.