‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra

Sentenza II grado Tarquinio + 8: la Sottosezione di Foggia dell'Associazione Nazionale Magistrati precisa
La sentenza di assoluzione della Corte di Appello di Bari, non ancora definitiva e di cui non si conoscono le motivazioni, non può comportare, come da più parti si è inteso fare, una delegittimazione della magistratura foggiana

Lucera, 09.01.2009 - «La sottosezione dell’ANM di Foggia ritiene doveroso fare alcune precisazioni a seguito della sentenza di assoluzione emessa il 5 gennaio u.s. dalla Corte di Appello di Bari nell’ambito del procedimento penale nei confronti di Lucio Tarquinio ed altri 8 imputati.
Tanto a fronte di alcune prese di posizione, apparse sugli organi locali di informazione, che hanno gettato consistenti ombre, a nostro avviso infondate, sulla correttezza dell’operato della magistratura dauna nella vicenda giudiziaria in questione.

La sentenza di assoluzione della Corte di Appello di Bari, non ancora definitiva e di cui non si conoscono le motivazioni, non può comportare, come da più parti si è inteso fare, una delegittimazione della magistratura foggiana.

Da un lato, infatti, la possibilità che in una stessa vicenda intervengano decisioni giurisdizionali di segno opposto, lungi dal costituire un’anomalia, è insita nel sistema giudiziario italiano che prevede tre gradi di giudizio; dall’altro nel procedimento in questione, nel corso del quale sono intervenute diverse decisioni che hanno valutato come fondata la tesi accusatoria (riconducibili, complessivamente, tra indagini preliminari e sentenza di I grado, a 12 magistrati, di cui 8 giudici, compresi i tre componenti il Tribunale della Libertà di Bari), non risulta che siano state mai rilevate, da nessuna delle parti in causa, violazioni di regole da parte dei magistrati foggiani.

Chi ritenesse il contrario e ravvisasse negligenze o anomalie nell’operato degli organi giudiziari locali che si sono occupati della vicenda, dovrebbe segnalarle specificatamente e non limitarsi a mere e generiche affermazioni di principio».

L'Associazione Nazionale Magistrati
Sottosezione di Foggia



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.