‹‹·········


Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra

"News giuridiche", a cura dell'avv. Marco Pagliara
In breve: Ritardi dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni - Programmazione fabbisogno del personale - Diffamazione con il mezzo della stampa

Lucera, 31.10.2009 - La rubrica è rivolta ai lettori, al fine di fornire una prima informazione sulle novità legislative e giurisprudenziali. Non sostituisce l’indispensabile apporto professionale degli operatori del diritto cui si demanda per l’eventuale approfondimento delle materie trattate.
Ritardi dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Il decreto legge n. 78 del corrente anno 2009, convertito nella legge n. 102/09, ha novellato alcune materie inerenti la pubblica amministrazione, stabilendo (all’art. 9) che i pagamenti devono essere tempestivi, quando i termini siano contrattuali o legali. Ciò al fine di prevenire nuove situazioni debitorie. In particolare, la nuova normativa impone alle pubbliche amministrazioni di adottare, entro la fine dell’anno, le opportune misure organizzative per garantire il tempestivo pagamento delle somme dovute a terzi per somministrazioni, forniture e appalti. Inoltre, il funzionario, che adotta provvedimenti che comportano impegni di spesa, dovrà accertare previamente che i conseguenti pagamenti siano compatibili con gli stanziamenti di bilancio e con le regole di finanza pubblica. Il funzionario, potrà incorrere in responsabilità disciplinari e amministrative qualora la difficoltà a far fronte agli obblighi contrattuali assunti dall’Ente sia conseguenza dei suoi mancati accertamenti. L’amministrazione, dal canto suo, dovrà adottare le opportune iniziative per evitare la formazione di debiti e dovrà svolgere una specifica attività di analisi e revisione delle procedure di spesa e di allocazione delle relative risorse in bilancio.
Programmazione fabbisogno del personale. Il TAR Puglia, Lecce, sezione II, con sentenza 1° luglio 2009 n.1750, ha stabilito che l’atto di programmazione del fabbisogno di personale di una pubblica amministrazione è configurabile come atto pianificatorio delle risorse umane, di natura e carattere generale, ed è pertanto espressione del potere autoritativo della pubblica amministrazione.
Diffamazione con il mezzo della stampa. La Corte di Cassazione, sezione V, con sentenza 13.3.2008 n. 13565, ha sancito che il reato di diffamazione, oggettivamente configurabile dal fatto di definire taluno come “furfante” o “responsabile di furfanterie”, può ritenersi scriminato, in virtù dell’art. 51 del codice penale, quando detta definizione si collochi in un contesto di polemica politica, significando il ritenuto disvalore di scelte che si assumano compiute in contrasto con l’interesse collettivo.

Avv. Marco Pagliara



Scrivete all'amico
Frizzo

Le risposte
del
Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.