Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra

Diritto

Equitalia deve comunicare l'ipoteca entro 90 giorni
La Commissione chiarisce anche l’importanza di un’ulteriore informazione che deve essere fornita al contribuente, ossia il nominativo del responsabile del procedimento

Milano, 18.06.2011 - La procedura di iscrizione ipotecaria è un procedimento amministrativo attivato d’ufficio e come tale deve essere comunicato al contribuente entro il termine di novanta giorni dalla sua effettuazione.
Sono queste le conclusioni a cui è giunta la Commissione Tributaria Provinciale di Cosenza (sent. CTP di Cosenza n. 253/1/2009), la quale ritiene che “possa trovare applicazione la disposizione di cui all’art. 2, secondo comma, secondo alinea, della legge n. 241/90. Tale norma prevede che i procedimenti iniziati d’Ufficio dagli enti pubblici nazionali debbano concludersi, in mancanza di disposizioni diverse, entro novanta giorni dal loro inizio. Per conclusione deve naturalmente intendersi anche la comunicazione all’interessato”; inoltre la Commissione specifica che “non vi è dubbio che Equitalia Spa sia un organismo di diritto pubblico” e dunque debba applicarsi tale normativa.
Stabilita, dunque, la necessità della comunicazione dell’avvenuta iscrizione ipotecaria entro un termine massimo (90 giorni), la Commissione chiarisce anche l’importanza di un’ulteriore informazione che deve essere fornita al contribuente, ossia il nominativo del responsabile del procedimento.
I giudici, infatti, spiegano che “è da ritenere che la tassativa indicazione del responsabile del procedimento di iscrizione ipotecaria, prevista dall’art. 7 della legge n.212 del 2000, abbia, tra le altre, la funzione di individuare il soggetto persona fisica alla quale il debitore e/o il coobbligato, possano muovere i propri rilievi e nei confronti della quale esperire, eventualmente, le azioni civili risarcitorie o penali (abuso d’ufficio)”.
Ci si augura, dunque, che il concessionario della riscossione voglia cogliere tali dettami onde evitare che – come spesso succede ancora oggi – il contribuente venga a conoscenza di un’ipoteca sui propri immobili casualmente a distanza di molti mesi.
In merito alle novità in materia di riscossione, il 15 giugno scorso si è tenuto un interessante convegno organizzato dalla Fondazione dei Dottori Commercialisti di Milano.

Avv. Matteo Sances



Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.