Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra

Diritto

Illegittimo il fermo amministrativo sproporzionato
Se da una parte la legge concede degli strumenti al concessionario per garantire l’esigibilità dei crediti dello Stato, dall’altra questi devono essere adottati con estrema cautela, nel rispetto delle norme sul procedimento amministrativo

Milano, 19.03.2013 - Il fermo auto iscritto dal concessionario della riscossione sul veicolo del contribuente è illegittimo se tale misura risulta sproporzionata rispetto al debito erariale.

Ciò è quanto sancito dalla Commissione Tributaria Provinciale di Roma (sentenza n.28/12/2013), secondo la quale l’applicazione di questo strumento in maniera “indiscriminata” potrebbe configurare un eccesso di potere da parte del concessionario della riscossione, soprattutto se tale provvedimento cautelare non risulta adeguatamente motivato e sussiste una reale sproporzione tra la misura adottata e il credito da garantire.

In particolare, nel caso di specie i giudici hanno evidenziano come tale atto fosse gravemente viziato poiché non erano stati assolutamente indicati i motivi per i quali il concessionario aveva ritenuto di dover applicare una misura così invasiva.

Tale pronuncia ha sicuramente una portata innovativa ma non unica nel suo genere (si veda ad esempio la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della Puglia n.10/10/12 e la sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Bari n.177/02/11.

Alla luce di ciò, ne deriva che se da una parte la legge concede degli strumenti al concessionario per garantire l’esigibilità dei crediti dello Stato, dall’altra questi devono essere adottati con estrema cautela, nel rispetto delle norme sul procedimento amministrativo (legge n.241/90) e dello Statuto dei diritti del contribuente (legge n.212/2000) e dunque dovranno essere quanto meno motivati.

Avv. Matteo Sances



Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.