Guida all'uso
Forum
La redazione
Contatti
Links
Indicazioni utili
In giro per Lucera
Le attività
Strade e contrade
Luceriae Historia
Accade in Provincia


Arte
Letteratura
Musica
Religione
Filosofia
Psicologia
Sociologia
Gestalt
Teatro
Cinema
Televisione
Scienze
Diritto
Economia
Storia
Agricoltura
Ambiente
Mestieri
Fuori orario

Barzellette, detti,
aforismi, metafore e parodie…
Raccontate la vostra
 
AMBIENTE

Davide Trivento: «Facciamo luce sul compostaggio ex Safab. Miglio, apri gli occhi!»
«Le tecnologie del 2007 e le 60mila tonellate di rifiuti costringeranno i cittadini a tapparsi in casa. Miglio si informi meglio»

San Severo, 17.06.2017 - «Continuano a propinarci dati non veritieri sull’impianto di compostaggio che si intende realizzare presso l'ex Safab di via Foggia. Innanzitutto è un dato certo che l'impianto tratterà 60 mila tonnellate di rifiuti, seppure 15 mila di queste saranno di cippato che come da autorizzazione rilasciate dalla Provincia dovrà essere obbligatoriamente mescolato con i rifiuti in ingresso per avviare il tutto al processo fermentativo in ambiente aerobico, quindi, è ben chiaro che saranno 60.000 tonnellate annue le miscele di rifiuti che emetteranno puzze nauseabonde tutto l’anno e non 45.000 come vuole far credere Sagedil con i suoi continui ripetitivi e noiosi comunicati stampa. I cittadini non hanno l’anello al naso e giocare sui numeri e sulle parole non cambia la sostanza».
Così Davide Trivento, componente del comitato civico che si è costituito contro la realizzazione dell’impianto alla Safab intende fare chiarezza su alcuni punti riportati dalla Sagedil sui comunicati stampa.
«L’azienda Sagedil – precisa Trivento –, si vanta di usare tecnologie avanzate di ultima generazione e il migliore know-how per evitare, a suo dire, il diffondersi degli odori, fecendo riferimento a quelle recepite dal DM nel lontano 29.01.2007!!! In pratica le stesse BAT – Best Availabe Techonology (per usare la sua elegante terminologia) – utilizzate da altri impianti esistenti sul territorio Pugliese (e non solo) e su cui tutti hanno verificato le criticità, nonostante oggetto di continui e numerosi controlli dell’ARPA. 
Il Sindaco Miglio, nonché Presidente della Provincia che ha rilasciato le autorizzazioni all’impianto di compostaggio, farebbe bene a verificare la veridicità delle notizie pubblicate da Sagedil anche per conoscere meglio gli imprenditori che vorrebbero investire nel territorio.
Oggi, un impianto di compostaggio in ambiente aerobico da tonnellate 60.000 annue, chiavi in mano, costa dai 7 agli 8 milioni di euro! Sagedil continua a dire nei suoi comunicati che l’investimento da farsi a San Severo è di 40 milioni di euro!!! Per non parlare dell’altra inesattezza sul numero dei camion che affolleranno l’impianto se avviato, la statale 16 è nota a tutti per numeri di morti giornaliere per incidente stradale. Ci vuole una bella faccia tosta per contare in 15/16 veicoli in più che invaderanno quell’arteria una volta realizzato l’impianto. Basta un semplice calcolo matematico per quantificare i mezzi in entrata occorrenti per trasportare 60.000 tonnellate annue tra rifiuti e cippato e 60.000 tonnellate annue in uscita necessari per trasportare sovvallo, percolato e concime prodotto; in aggiunta ai veicoli dei lavoratori, tecnici addetti all’impianto, clienti e fornitori che frequenteranno l’impianto per circa 220 giornate lavorative (tante sono le giornate di lavoro in un anno solare, al netto di giorni festivi e periodo e fermo per manutenzione) si arriva ad oltre 180 veicoli in più per ogni giorno lavorativo. Non si comprende come lo studio di Roma pagato da Sagedil abbia quantificato un aumento di flusso veicolare che passa dal valore 0,54 al valore 0,56!!!».
Conclude nel comunicato Trivento Davide: «Sindaco, l’unica cosa certa è che si sta dando via libera ad un impianto inutile per il territorio e dannoso per gli effetti negativi che avrà sulla città, sulla viabilità veicolare della S.S. 16 e sulla qualità della vita, senza che Lei si sia preso la briga di avviare un vero e proprio confronto con la città.
Chiediamo quindi un impegno serio all’Amministrazione Comunale affinché valuti il perché di queste notizie imprecise da parte di chi, a parere mio, considera la comunità sanseverese ingenua e facile da abbindolare. Sindaco, La invito a nome del Comitato che rappresento a riaprire SUBITO il dibattito con la Provincia perché riveda l’iter e revochi l’autorizzazione rilasciata».

Il Frizzo

 


Scrivete
al Frizzo

Le lettere
al Frizzo

Fedro e dintorni
Fiabe e racconti seguiti da un breve commento

…u kunde
nannurke
i ditte de
tatarusse
parle kume t'ha
fatte mammete
Altri servizi

Luoghi da visitare
Il Pensatoio
Vendo & Compro
Alla ricerca di…
Newsletter
F.A.Q.